Innovazione e tecnologia

 

BIPV

Una menzione a parte va al cosiddetto BIPV, acronimo di Building Integrated PhotoVoltaics, ovvero Sistemi fotovoltaici architettonicamente integrati. L'integrazione architettonica si ottiene posizionando il campo fotovoltaico dell'impianto all'interno del profilo stesso dell'edificio che lo accoglie. Le tecniche sono principalmente 3:

Sostituzione locale del manto di copertura (es. tegole o coppi) con un rivestimento idoneo a cui si sovrappone il campo fotovoltaico, in modo che questo risulti affogato nel manto di copertura;

Impiego di tecnologie idonee all'integrazione, come i film sottili;

Impiego di moduli fotovoltaici strutturali, ovvero che integrano la funzione di infisso, con o senza vetrocamera.

I costi per ottenere un impianto BIPV sono più alti rispetto a quello tradizionale, ma il risultato estetico è talmente pregevole che la normativa stessa del Conto energia li tutela e valorizza, riconoscendo una tariffa incentivante sensibilmente più elevata.

(fonte Wikipedia)

Inoltre il continuo progresso e lo studio di nuovi materiali adatti allo scopo, ha portato all'introduzione nel mercato di nuovissimi pannelli con spessori ridotti ed esteticamente gradevoli, senza nulla togliere alla resa degli stessi.

cookie policy